Via Martiri di Cefalonia, 46 - San Donato M. (MI) • Tel. 02 55691311 - Fax. 02 55600411 • C.M: MIIS037006 • Email: istitutosuperiore@iisdellafra.it • PEC: MIIS037006@pec.istruzione.it
Medici Senza Frontiere

LE CLASSI QUINTE INCONTRANO MSF 

QUANDO

nelle giornate del 7 e 17 maggio 2019

 

CLASSI COINVOLTE

tutte le quinte della sede di San Donato

 

OBIETTIVO

Nell’ambito del progetto di Educazione alla Cittadinanza e Costituzione si è ritenuto importante che gli allievi delle classi terminali potessero riflettere sul concetto di diritto umanitario venendo a contatto con un’organizzazione che opera in tutto il mondo come Medici Senza Frontiere

 

L’INTERVENTO

Il gruppo volontari di Milano di Medici Senza Frontiere ha raccontato perché è nata questa ONG e come è cresciuta, sottolineando come, oltre all’importanza dell’azione umanitaria, sia un dovere raccontare e denunciare gli eventi dei quali siamo testimoni. Citando le parole dell’allora presidente di MSF, nella cerimonia di assegnazione del premio Nobel per la pace 1999:

“Il silenzio è stato a lungo confuso con la neutralità ed è stato presentato come una condizione necessaria per l’azione umanitaria. Dalle sue origini, MSF è stata creata per opporsi a questa tesi Non siamo sicuri che le parole possono salvare delle vite, ma sappiamo con certezza che il silenzio uccide.”

Si è discusso dei principi di MSF: l’indipendenza, l’imparzialità e la neutralità, oltre al rigoroso rispetto dell’etica medica. Dopo un rapido ma importante accenno al bilancio, alla sua trasparenza e da come più dell’80% dei fondi raccolti siano destinati alle azioni sul campo, è stato descritto il lavoro degli operatori sanitari e di quello dei logisti, che ha destato vivo interesse. Hanno illustrato in quali contesti interviene MSF, anche con esempi concreti: catastrofi naturali come terremoti, uragani, tsunami, conflitti, migrazioni, epidemie e cure negate, accesso ai farmaci e tutte le altre situazioni di emergenza.

 

RISULTATO

Le classi, attente e tranquille, si sono mostrate interessate, rivolgendo numerose domande ai relatori per approfondire ulteriormente l’argomento. È importante sottolineare come il livello di informazione su quanto accade nel mondo sia molto basso e delegato sostanzialmente ai social media, pertanto risulta essenziale e formativo ogni intervento di sensibilizzazione.

 


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.